ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
ute,barcellona posso di gotto,sicilia,universita,imparare,corsi serali,corsi universita,sicilia,ute sicilia,ute messina,messina,imparare,terza eta
Venerdì, 10 Febbraio 2017 09:01

MARIANO PIETRINI

Written by
Rate this item
(0 votes)

 

 

 

 

Il giorno 1 febbraio 2017 ci ha lasciato il Prof. Mariano Pietrini,

ideatore e docente del corso di “creatività” tenuto presso

l’Università della Terza Età.

Tutti i docenti e i corsisti dell’Ute profondamente addolorati e

sgomenti piangono la immatura scomparsa del maestro.

Qui di seguito riportiamo il testo del saluto che, a titolo personale

e a nome dell’Università della Terza Età, ha pronunciato il rettore

Prof.ssa Tanina Caliri.

 

Caro Mariano, sotto la spinta di un profondo legame di affetto e stima, voglio darti il mio saluto  ed esprimerti i miei sentimenti più profondi, convinta, con un pizzico di presunzione, che tu te lo aspetti sia da parte mia sia da parte di tutta l’Università della Terza età  che ti stava tanto a cuore.

Mariano, con la tua scomparsa lasci un vuoto in Barcellona P.G.- quella Barcellona a cui hai dato visibile e prezioso apporto di innovazione e cultura con la tua genialità,  creando opere che rappresentano gioielli per la città. Mi riferisco principalmente al Parco Jalari.  Era una costola di montagna che  hai trasformato in una collezione di opere d’arte.  Ho visitato quello che sarebbe diventato il Parco  quando c’era solo l’idea e nessuno avrebbe scommesso che quella idea si sarebbe realizzata in termini umani. Invece  si è realizzata e adesso è una realtà sotto gli occhi di tutti!  Ci è voluta una forte passione ed una non comune volontà per dare vita alla montagna, per scoprirne l’anima, per far parlare le pietre, catturare la luce,  ed animare l’inanimato.

Mariano,  eri un visionario, un poeta con la forza del sogno che trasforma e crea, di quella categoria di uomini che nella storia fanno il progresso dell’umanità.

 

Siamo stati per tanti anni colleghi all’Istituto tecnico E. Fermi dove tu insegnavi , avendo sempre  una particolare attenzione  ai giovani da formare , con cui tu instauravi rapporti che andavano oltre quelli richiesti dalla professionalità.  

 Anche se non sono stati pochi gli anni trascorsi a scuola,  piuttosto ti voglio ricordare come collaboratore all’Università della Terza età. Qui hai giocato con entusiasmo una carta che si è rivelata vincente, fedele  nella convinzione che la creatività è una potenzialità  in ciascuno di noi  e sta a noi trovare la strada per tradurla in espressività, dandole vita e libertà.”La creatività-dicevi tu Mariano-  è un dono di Dio; sta ad ognuno di noi credere, amare , sognare e via nel vento armonizzante i pensieri più belli. Questo viaggio non è precluso a nessuno, basta volerlo”.

 

Nell’ultimo saluto che ti ho dato, eri  vestito di bianco; hai voluto coprirti con il colore dei colori, con quel colore da cui gli altri cominciano, e che tu facevi mettere sempre ai tuoi allievi al centro dei quadri.

Grande, inoltre,  la tua disponibilità, il tuo senso di ospitalità generosa,  in ciò assecondato da Gisella;  donavi  a profusione, aprivi la casa agli ospiti, offrendo spontaneamente del tuo.

 

Amato, stimato, rispettato,  credo che tu Mariano sei vissuto bene  dando e ricevendo ricchezza di affetti e di valori che oggi attenuano la dura realtà del momento.

La morte lascia sempre un grande vuoto che può essere in parte compensato dalla qualità e dalla quantità delle esperienze spirituali e culturali  che si consolidano nel ricordo, superando i limiti di un totale annullamento,

Sei fortunato infine Mariano, perché tutta questa ricchezza passa alle giovani leve della tua famiglia, -figli e nipoti- che ti ebbero come guida e ti avranno ancora come modello da seguire. Ciao Mariano , un bacio

 

Read 1038 times Last modified on Venerdì, 10 Febbraio 2017 09:19
More in this category: « ABBRACCIALO PER ME MANON LESCAUT »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.